Home

Perché questo sito

La realizzazione di un sito internet rappresenta una sorta di ideale approdo, la scelta, dopo trentacinque anni di ricerca e di produzione satirica (con qualche soluzione di continuità), di un luogo – di un sito, appunto – dove fermarsi a riprendere fiato, riflettere sull’itinerario effettuato, discutere per definire le linee programmatiche future, riordinare le carte, le idee e decidere quando ripartire e per dove. Il frutto di una operazione intellettuale analoga, in altri ambiti culturali, confluisce generalmente in una autobiografia, anche per immagini, oppure in una retrospettiva ragionata. A noi va bene che il sito del Gruppo 2001 sia questo, non ci va bene – invece – che sia soltanto questo.

 

Noi riteniamo, per esempio, che a partire da questa iniziativa si possa e si debba iniziare una doverosa operazione di recupero della memoria che ponga fine alla lenta, incessante, cancellazione di fatti e persone che il fluire del tempo inesorabilmente opera. Lo sfottò, la smància, la scòrcia sono connaturati nello spirito dei castelbuonesi ma quando sia iniziata la costumanza di mettere in scena a carnevale, nel corso di serate di danza, parodie di personaggi pubblici nessuno lo sa. Quale fosse la struttura delle maschere di allora e dei periodi immediatamente successivi è poco chiaro; i fatti, gli attori, le vicende di quel tempo sono stati per sempre risucchiati dall’oblio in un gorgo, come sempre succede quando la loro trasmissione è affidata a fonti orali.

In un paesaggio desertico come questo non è infrequente assistere a fenomeni di sciacallaggio, vale a dire a insopportabili tentativi di appropriazione indebita di meriti e di inverosimili consacrazioni, che non possono essere certo tollerati da chi ha realmente conquistato sul campo plurime benemerenze.

La pubblicazione integrale degli archivi del Gruppo 2001 muove dal fermo proposito di affermare: “Ecco, noi siamo questi e abbiamo fatto questo” e ha il precipuo scopo di documentare il non trascurabile contributo che questo gruppo ha offerto alla maschera, al suo tramandamento, alla sua evoluzione, in un percorso – né virtuoso né virtuale –  che è valso ed è durato qualcosa di più che un normale giro di stagione.

In questi archivi c’è tutto, ciascuno di voi vi potrà vedere – cercare e trovare – tutto quel che vorrà. Nostro desiderio è mettere questo corpus a disposizione di tutti gli appassionati ma soprattutto di quanti, oggi, entusiasticamente, sono impegnati a dare continuità alla maschera di carnevale affinché dalla consultazione e dallo studio di questi materiali possano trarre idee nuove, ispirazioni, spunti (da non confondere con gli scopiazzamenti, perché con questi non si cresce né si vola).

In una sezione del sito confluiranno documenti relativi al vecchio Teatro comunale, alle Fontanelle e ai gruppi storici perché successivamente si possa tentare l’improba operazione di tracciare una esaustiva storia della maschera e del veglione, finalmente costruita sui documenti e non sul nulla, per restituire i giusti meriti a quanti (noi vorremmo recuperarli tutti) hanno permesso, con le loro fatiche e con il loro genio, che questa tradizione si tramandasse fino a noi, riconsegnandoli alla dignità della memoria.

Sappiamo bene che chi non è avvezzo ad affaticare le meningi liquiderà questa iniziativa come una vanitosa e frivola autocelebrazione. Il Gruppo 2001 non se ne cura, ammicca un sorriso e riprende il sentiero senza fine, per fermarsi solamente ai magici alberi delle emozioni e dei sorrisi per coglierne i copiosi frutti e continuare a regalarli al suo meraviglioso pubblico.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 07 Gennaio 2012 10:14 )